Il mio senso per estetica & riciclo

“Il potere ha avuto bisogno di un tipo diverso di suddito, che fosse prima di tutto un consumatore”.

Pier Paolo Pasolini

Da piccola passavo i pomeriggi del dopo scuola dai nonni, e mi ricordo quasi tutto del loro regno in condivisione: il nonno era il re del giardino, dell’orto e del garage dove teneva gli attrezzi in ordine maniacale, mentre nonna era la regina incontrastata della casa e dell’orto, ma i fiori erano solo e unicamente scelta del re.

I gesti lenti, la sapienza nelle loro abilità e attitudini li rendeva completi, unici.

La prima cosa che ho imparato dal nonno è il senso dell’estetica, con la mia consueta cromoterapia nel periodo di fioritura: passavo in mezzo al giardino sugli stradellini di mattoni e venivo invasa dalle sfumature di ogni petalo, dal profumo delle rose, da quello dei mughetto a maggio, dai gigli bianchi alti come me. Non c’era nulla che stonasse, tutto era armonico, l’orgoglio di mio nonno!

Mi sembrava di stare nel giardino di “Alice nel paese delle meraviglie”.

L’olfatto, invece, veniva lusingato da mia nonna, abile cuoca, che negli anni ha prodotto una cucina fusion tra quella veneta e quella piemontese con contaminazioni sarde: la sua torta paradiso alta come un mattone e soffice come un batuffolo di ovatta non l’ho mai più mangiata…

La sua casa era uno specchio, ma aveva anche altre abilità creative: dai piccoli rammendi, ai ricami con uncinetto o punto croce, al lavoro a maglia, e alcune volte “smontava” capi di lana che non servivano più ricavandone gomitoli (di solito li facevo io) per farne coperte.

Una sua coperta è dentro la mia cassettiera in legno.

La frase: “Lo tengo perché può servire” l’ho sentita centinaia di volte mentre nonna piegava i sacchetti del pane o lavava le scatole di plastica della ricotta, e di come un piatto vecchio diventava un sottovaso, o una ciotola per il cibo dei gatti.

Ovviamente, questa regola non scritta si applicava anche in casa con i miei genitori, che dopo aver usato un tal oggetto, lo portavano dai nonni per una seconda o terza vita.

Lo spreco non era minimamente considerato, e tutto godeva di vita longeva, perché chi cresce senza grandi patrimoni s’ingegna, non può permettersi di buttare nulla.

Alcune volte le cose che si ricavano da altre non sono bellissime all’occhio, ma se sono funzionali, perché cambiarle?

Basta usare la fantasia, senza spendere grandi cifre.

Tutto questo buttar via non lo concepisco…stiamo solo intasando discariche, inquinando tutto per un vezzo, per avere cose senza possederle veramente.

Certo, non si può tenere proprio tutto, ciò che è non riparabile deve essere buttato, ma non per strada, nei fossi…maledetti!

Diamo valore agli oggetti e facciamo in modo di trattarli con cura, e non con frasi: “Tanto costa poco, e se si rompe ne prendo un altro”. Sicuramente, la qualità delle cose è calata notevolmente con la produzione in serie, ma vuoi mettere comperare un maglione da un artigiano o in un grande magazzino?

Il prezzo sarà nettamente superiore, ma la durevolezza sarà maggiore.

Il consumismo è la tomba della cura per gli oggetti, perdendo il senso dell’unicità, del tempo impiegato per costruirlo, della passione intrecciata con il materiale usato.

NON SPRECATE! RICICLATE & RIUSATE!

“Tu sei il consumista perfetto. Il sogno di ogni gerarca o funzionario della presente dittatura, che per tenere in piedi le sue mura deliranti ha bisogno che ognuno bruci più di quanto lo scalda, mangi più di quanto lo nutre, illumini più di quanto può vedere, fumi più di quanto può fumare, compri più di quanto lo soddisfa”.

Michele Serra

30 pensieri su “Il mio senso per estetica & riciclo

  1. Pingback: Il mio senso per estetica & riciclo – Luca's Blog

  2. Un bellissimo viaggio nei ricordi che ne ha suscitato un altro nella mia mente. E sì, molti anni fa la struttura sociale e i comportamenti erano radicalmente diversi, impensabile acquistare e rimpiazzare nei termini così brevi di oggi e non era una pura questione di disponibilità economica perché anche in famiglie agiate non c’era questo ricambio continuo, quasi spasmodico come quello odierno.
    Grazie di questa riflessione/racconto

    Piace a 1 persona

  3. Riciclare: una parola che tutti dovremmo imparare. Riciclare è un grande aiuto per tutti e aiuta a tirar fuori quel lato creativo che permette di far tornare a nuova vita oggetti che magari sembravano inutilizzabili o che dopo poco tempo, stanchi d’usare, si pensava di buttare anche se ancora in buone condizioni, 🙂. Ricordo che alcuni anni fa avevo un paio di scarpe da ginnastica ancora in ottimo stato, malgrado le avessi già da un po’ di tempo. Si era solo scolorito un po’ il colore allora, dopo averle lavate per bene, ho preso dei colori adatti ai tessuti e le ho ridipinte, dandogli il mio tocco personale… erano come nuove, 😀! Credo che se ci s’ingegna un pochino anche la cosa che ad una prima occhiata può sembrare inutile può diventare qualcosa di nuovo, 😉.

    Piace a 1 persona

  4. Nonni contadini, con tanto di fattoria. Non era minimamente concepibile la parola “spreco”. Tutto aveva la sua funzione, ed il suo utilizzo primario e secondario. Anche i resti dei poveri animali, che purtroppo venivano sacrificati per il sostentamento, venivano “utilizzati” in ogni loro forma, pure il sangue (orrore!!!) veniva recuperato. E le ossa da bollire per il brodo, e la pelle, ed il resto per la concimazione. Terribile ma vero.

    Piace a 1 persona

  5. Concordo su ogni parola. Purtroppo l’abitudine (e la capacità) di riciclare ciò che apparentemente non serve più si è davvero persa. C’è anche da dire che la spazzatura che produciamo oggi è davvero tanta per colpa del consumismo dilagante, ma anche del nostro stile di vita. Sarebbe davvero bello tornare ad una vita più semplice ed essenziale, dove le piccole cose duravano (e se non duravano venivano riparate) ed erano soprattutto apprezzate. Ma è una consapevolezza a cui dobbiamo arrivare da soli, perché ai governanti ed alle multinazionali servono consumatori, non popoli pensanti, quindi faranno di tutto per stordirci con l’ennesimo prodotto da desiderare e poi comprare, finché non finirà nella spazzatura per poterne comprare uno nuovo. Triste, ma vero. Grazie per aver condiviso questo tuo post, è ricco di pensieri e ricordi molto interessanti. A presto.

    Piace a 1 persona

  6. bellissima riflessione contro questo consumismo che ci rovina, contro questi sprechi che vanno avanti senza fine, rovinando l’ambiente, il mondo in cui viviamo. Dovremmo far dono delle generazioni che ci hanno preceduto, sapevano conservare, riutilizzare, fare tanto pur avendo poco. Talvolta non è dalle grandi ricchezze che si ottiene la felicità, ma dai piccoli doni custoditi con cura nel silenzio del tempo. 👍👍👍👍👍👏👏👏👏

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...